Venerdì, 29 December 2017 16:40

Aprilia SR 70 Drag

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dall’Olanda con furore!

Questo splendido Aprilia SR Replica, realizzato alcuni anni fa da un famoso fornitore di parti sportive per auto e moto, sintetizza al meglio il modo di vedere le elaborazioni scooter in uno dei Paesi europei con maggiore tradizione nella preparazione di motori 2 tempi.

Forse non tutti sanno che l’Olanda è una nazione che può vantare una lunga e prestigiosa tradizione nel campo dei motori 2 tempi da competizione, tanto che due dei più importanti tecnici del motomondiale classi 125 e 250 cc, Jan Thiel e Jan Vitteven, hanno avuto i loro natali proprio nella terra dei tulipani.

Questa tradizione duetempista, ormai radicata, è basata su un concetto molto preciso di moto: in Olanda difficilmente vedrete maximoto da 200 CV o 1000 di cilindrata: c’è un culto per i ciclomotori, gli scooter e le moto inferiori ai 250 cc. Queste cose me le ha raccontate un tecnico della Koni, alcuni anni fa, quando andai a Zandvort per testare una macchina: dopo aver scoperto la comune passione per il 2 tempi e le piccole cilindrate, mi ha mostrato sul suo PC un’infinità di immagini del suo Itom, un ciclomotore costruito a Torino negli anni ’60 dotato di soluzioni tecniche all’avanguardia per i suoi tempi, tra cui il cilindro in acciaio con luce di scarico sdoppiata con traversino, espansione, collettore di aspirazione corto, carter pompa derivato dalle competizioni.

Questo gioiello era in grado di raggiungere i 103 km/h effettivi: una velocità che nessuno scooter 50 di serie, oggi, può vantarsi di raggiungere.

L’Aprilia SR Replica che vi mostriamo in queste foto sintetizza al meglio il modo di lavorare e la passione dei ragazzi olandesi per i loro scooter, utilizzati nelle numerosissime gare di accelerazione disputate in quella nazione. Mantenendo la carrozzeria e il telaio di serie, salvo alcune modifiche volte ad ottimizzare il raffreddamento del motore e l’alleggerimento complessivo, i tecnici che hanno realizzato questo scooter hanno puntato soprattutto ad abbassare il baricentro per migliorare lo spunto in partenza, riducendo così il momento polare di inerzia: in base alle leggi fisiche, un veicolo più basso accelera più facilmente di uno più alto.

L’avantreno, poi, è stato abbassato notevolmente per evitare che il mezzo possa perdere l’aderenza della ruota anteriore in accelerazione: per ottenere questo tipo di risultato è stata modificata radicalmente la forcella, i cui steli sono stati fatti scorrere lungo la piastra forcella dopo essere stati notevolmente irrigiditi a livello di idraulica e dopo averne ridotto la corsa utile. Il cerchio anteriore è stato sostituito con uno da 10”. Anche il manubrio di serie è stato sostituito con uno notevolmente più basso per abbassare il baricentro.

La sospensione posteriore, per alleggerire al massimo lo scooter, è stata sostituita con un tubo rigido.

Per il motore, salvo l’adozione del carburatore Stage6 28 montato girato di 180° con l’ormai classica basetta Kiesler (soluzione che, però, incrementa la lunghezza del collettore di aspirazione in modo consistente, a danno della potenza massima erogata e a favore della coppia ai bassi regimi), tutto è piuttosto convenzionale, con l’adozione di una trasformazione Malossi 70 cc MHR Team 7 travasi completa di albero motore Team e accensione a rotore interno Malossi Selettra, trasmissione Malossi Over Range e rapportatura finale Malossi.

I pneumatici sono degli slick Heidenau.

 

Scheda tecnica

 

Aprilia SR Replica drag

Preparatore: APR, www.autoparts-roermond.nl

 

Motore

Gruppo termico: Malossi MHR Team 7 travasi elaborato

Albero motore: Malossi MHR Team con biella ricavata dal pieno

Pacco lamellare: Malossi

Carburatore: Stage6 28 mm

Collettore di aspirazione: girato di 180° con basetta in alluminio Kiesler

Filtro aria: Malossi

Complessivo trasmissione Malossi Over Range

Accensione: Malossi Selettra a rotore interno

Impianto di scarico: Yasuni

Rapporti finali: Malossi

 

Ciclistica

Telaio originale abbassato per uso dragster

Carenature modificate artigianalmente

Eliminazione parte vano sottocasco per montaggio carburatore girato di 180°

Telaietto supporto motore per carburatore girato Stage6

Manubrio basso drag SBO

Impianto frenante anteriore con disco Stage6

Sospensioni abbassate per uso drag

Cerchio anteriore 10”

Pneumatici Heidenau slick

Letto 1619 volte
Altro in questa categoria: Drag bicilindrico »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Resta in contatto